Riaprono piscine e palestre anche in Campania

Ancora chiusi i Parchi acquatici e le Terme (consentite solo le cure)

Le Linee guida della Conferenza delle Regioni (allegato 17 al DPCM 17 maggio) per la “riapertura delle attività economiche e produttive in Italia” prevedono per Piscine e  Palestre  (sintesi):

Piscine

  • Adeguata informazione sulle misure di prevenzione. Rispettare rigorosamente le indicazioni impartite dagli istruttori e assistenti ai bagnanti.
  • Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.
  • Divieto di accesso del pubblico alle tribune.
  • Divieto di manifestazioni, eventi, feste e intrattenimenti.
  • Distanziamento sociale di almeno 1 metro, ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale;
  • Organizzare gli spazi e le attività nelle aree spogliatoi e docce in modo da assicurare le distanze di almeno 1 metro (ad esempio prevedere postazioni d’uso alternate o separate da apposite barriere).
  • Tutti gli indumenti e oggetti personali devono essere riposti dentro la borsa personale, anche qualora depositati negli appositi armadietti;
  • Non consentire l’uso promiscuo degli armadietti e di mettere a disposizione sacchetti per riporre i propri effetti personali.
  •  Dispenser con soluzioni idroalcoliche per l’igiene delle mani dei frequentatori/clienti/ospiti
  • Densità di affollamento nelle aree solarium e verdi:7 mq di superficie di calpestio a persona. Densità di affollamento in vasca: 7 mq di superficie di acqua a persona.
  • Attrezzature (sedie a sdraio, lettino): distanziamento sociale di almeno 1,5 m tra persone non appartenenti allo stesso nucleo familiare o conviventi.
  •  Prima dell’apertura della vasca dovrà essere confermata l’idoneità dell’acqua alla balneazione a seguito dell’effettuazione delle analisi di tipo chimico e microbiologico 
  • Prima di entrare nell’acqua di vasca provvedere ad una accurata doccia saponata su tutto il corpo;
  • Obbligatorio l’uso della cuffia; è vietato sputare, soffiarsi il naso, urinare in acqua; ai bambini molto piccoli far indossare i pannolini contenitivi.
  • Si raccomanda ai genitori/accompagnatori di avere cura di sorvegliare i bambini per il rispetto del distanziamento e delle norme igienico-comportamentali compatibilmente con il loro grado di autonomia e l’età degli stessi.

Palestre 

  • Programma delle attività il più possibile pianificato (es. con prenotazione) e regolamentare gli accessi in modo da evitare condizioni di assembramento e aggregazioni;
  • Mantenere l’elenco delle presenze per un periodo di 14 giorni.
  • Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.
  • Organizzare gli spazi negli spogliatoi e docce in modo da assicurare le distanze di almeno 1 metro (ad esempio prevedere postazioni d’uso alternate o separate da apposite barriere), anche regolamentando l’accesso agli stessi.
  • Regolamentare i flussi e il posizionamento di attrezzi e macchine, anche delimitando le zone, al fine di garantire la distanza di sicurezza: –almeno 1 metro per le persone mentre non svolgono attività fisica; – almeno 2 metri durante l’attività fisica (con particolare attenzione a quella intensa).
  •  Dopo l’utilizzo da parte di ogni singolo soggetto, il responsabile della struttura assicura la disinfezione della macchina o degli attrezzi usati.
  •  Gli attrezzi e le macchine che non possono essere disinfettati non devono essere usati.
  • Utilizzare in palestra apposite calzature previste esclusivamente a questo scopo.
  • Tutti gli indumenti e oggetti personali devono essere riposti dentro la borsa personale, anche qualora depositati negli appositi armadietti;
  • Non consentire l’uso promiscuo degli armadietti e di mettere a disposizione sacchetti per riporre i propri effetti personali.
  • Per quanto riguarda il microclima, è fondamentale verificare le caratteristiche di aerazione dei locali e degli impianti di ventilazione e la successiva messa in atto in condizioni di mantenimento di adeguati ricambi e qualità dell’aria indoor.

Con la Ordinanza n. 51 del 24 maggio 2020 il Presidente della Regione Campania ha stabilito che:

Piscine

“Dal 25 maggio è consentito l’esercizio delle attività delle piscine pubbliche ed aperte al pubblico adibite al nuoto e alle attività ricreative, ivi comprese quelle ad uso collettivo inserite in strutture ricettive (es. pubblici esercizi, agrituristiche, camping, etc.), ad esclusione di quelle alimentate ad acqua di mare e di quelle ad usi speciali di cura, di riabilitazione e termale, il cui esercizio …………. è rinviato all’ approvazione di apposite Misure di sicurezza condivise dalla Conferenza delle Regioni. La messa in funzione delle piscine e comunque subordinata alla sanificazione delle vasche, ove vuote, e alla preventiva analisi delle acque — con  relativa annotazione — che evidenzi  valori  conformi ai prescritti requisiti fisici, chimici e microbiologici. Relativamente ai parchi acquatici ….……….. è consentito l’uso delle sole piscine, con esclusione delle ulteriori attrezzature (ad es., scivoli, giostre acquatiche).”

Il Protocollo redatto dall’Unità di Crisi Regionale (allegato 2 all’Ordinanza)  conferma  le regole nazionali ed aggiunge:

  • Distanziamento tra gli ombrelloni (o altri sistemi di ombreggio) in modo da garantire una superficie di almeno 10 metri quadrati per ombrellone, indipendentemente dalla modalita di allestimento della zona ombreggio.
  • Le attrezzature complementari assegnate in dotazione all’ombrellone (es. lettino, sdraio, sedia) devono essere fornite in quantita limitata al fine di garantire un distanziamento rispetto alle attrezzature dell’ombrellone contiguo di almeno 1,5 metri;
  •  Tra le attrezzature di spiaggia (es. lettino, sdraio, sedia), ove non allocate nel posto ombrellone, deve essre garantita la distanza minima di 1,5 metri l’una dall’altra.
  •  E’ vietata l’attivita ludico-sportive e giochi di gruppo che possono dar luogo ad assembramenti (es. balli, happy hours, degustazione a buffet, aree giochi, feste/eventi, ecc.) con conseguente divieto di pubblicita in qualsiasi forma.
  •  Tutti gli utenti dovranno comunque utilizzare attrezzatura da spiaggia (es. lettino, sdraio, sedia) nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, garantendo l’utilizzo di sistemi di copertura (teli da spiaggia) di tali attrezzatura. Laddove non in possesso dell’utente, sara cura del gestore fornire, a titolo gratuito e non, opportuno sistema, possibilmente monouso.

Palestre

Ordinanza n. 51 del 24 maggio: “Dal 25 maggio è consentito l’esercizio delle attività delle palestre”.

Il Protocollo redatto dall’Unità di Crisi Regionale (allegato 3 all’Ordinanza)  conferma  le regole nazionali ed aggiunge:

  • Gli utenti indossano la mascherina al momento dell’arrivo e analogamente all’uscita.
  • Sanificazione regolare e frequente di attrezzature, materiali, oggetti e servizi igienici, limitando l’utilizzo di strutture per le quali non sia possibile assicurare una disinfezione intermedia tra un utilizzo e l’altro.
  •  Pulizia dei servizi igienici più volte durante la giornata e disinfezione a fine giornata, dopo la chiusura;
  • All’interno del servizio dovranno essere disponibili, oltre al sapone per le mani, prodotti detergenti e strumenti usa e getta per la pulizia che ciascun cliente potrà fare in autonomia

Sandra Sandrucci, presidente di Altrabenevento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.