IL Covid 19 non ferma le bollette, ancora.

IL COVID 19 AL MOMENTO NON FERMA LE BOLLETTE DI ACQUA, LUCE E GAS MA  SOSPENDE SOLO LE PROCEDURE DI DISTACCO.

La proposta del CODACONS di spostare i termini di pagamento delle bollette in scadenza sino al 30 settembre non è stata ancora accolta. I potenti gruppi di interesse del settore ancora non hanno consentito, almeno per il momento, di ottenere, sia pure in tempi eccezionali come quelli in corso, che gli utenti, spesso peraltro privi di domiciliazione bancaria e, quindi, obbligati ad uscire dall’abitazione per il saldo, possano essere sollevati  temporaneamente dall’obbligo di pagare le fatture comunque recapitate nonostante il Coronavirus. Eppure si tratta, quasi sempre, di imprese con enorme liquidità che non soffrirebbero danni mortali da una semplice proroga o rateizzazione nei pagamenti. 

L’unica cosa accordata al momento è la sospensione per le procedure di distacco per morosità. Almeno sino al 13 aprile l’ARERA, l’Autorità di controllo competente, ha deliberato tale beneficio per gli utenti di elettricità a bassa tensione, per gli utenti domestici e per quelli non domestici con consumo non superiore a 200mila Smc/anno per i contratti di fornitura gas, per tutte le tipologie di utenza per le forniture idriche.  Il periodo considerato dalla sospensione parte dal 10 marzo e finisce il 13 aprile, salvo proroghe. Al termine del periodo di sospensione i gestori dovranno, prima di procedere di nuovo al distacco, inviare nuova costituzione in mora .

Fonti

ARERA: Prime misure urgenti e istituzione di un conto di gestione straordinario per l’emergenza epidemiologica COVID-19

ARERA: Ulteriori misure urgenti per l’emergenza epidemiologica COVID-19 a tutela dei clienti e degli utenti finali: modifiche ed integrazioni alla deliberazione dell’Autorità 12 marzo 2020, 60/2020/R/com

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.